Presentiamo qui i concetti fondamentali della nutrizione umana: macronutrienti e micronutrienti.

Il termine nutrizione definisce l’atto dell’approvvigionamento da parte degli organismi viventi di tutte quelle sostanze (cibo) necessarie per la loro vita. Oggi, con lo stesso termine si definisce la scienza che studia il rapporto tra le abitudini alimentari (dieta) e lo stato fisico (salute) di una persona.

La nutrizione si basa sul principio che un ottimale stato fisico si raggiunge bilanciando l’assunzione di differenti principi nutritivi, quali glucidi, lipidi, proteine, vitamine.
Questi elementi concorrono essenzialmente a:
produrre energia metabolica per le funzioni vitali (carboidrati, grassi, proteine);
fornire componenti strutturali per la crescita e la riparazione dei tessuti (proteine);
fornire gli elementi necessari alle reazioni biochimiche, all’interno della cellula (minerali e vitamine).

Complessivamente i nutrienti possono essere divisi in macronutrienti (da assumersi in quantità relativamente elevate) e micronutrienti (necessari in piccole quantità).
I macronutrienti comprendono carboidrati, grassi, fibre, proteine e acqua.
I micronutrienti sono i minerali e le vitamine.

Gli aminoacidi sono le unità base delle proteine, mentre i lipidi (grassi) sono fra i costituenti principali delle membrane cellulari e di alcune molecole messaggere all’interno delle cellule.
I macronutrienti hanno il compito di fornire questi componenti base, cioè aminoacidi e lipidi, alle nostre cellule. A loro volta, gli stessi componenti base possono essere impiegati per produrre energia all’interno della cellula.
I grassi forniscono più del doppio di energia rispetto ai carboidrati e alle proteine, anche se l’energia netta a livello cellulare può dipendere da vari fattori, fra cui il grado di assorbimento degli specifici elementi e la stessa attività digestiva.

Gli atomi di carbonio, idrogeno e ossigeno formano le molecole dei carboidrati e dei grassi. I carboidrati possono assumere delle strutture semplici monosaccaridiche (quali glucosio, fruttosio) oppure più complesse, polisaccaridiche come l’amido. I grassi di origine animale sono invece composti da trigliceridi, cioè tre monomeri di acidi grassi legati ad uno scheletro di glicerolo.
E’ importante che nella nostra dieta vi siano anche dei grassi, in quanto alcune di queste molecole (dette essenziali) non sono sintetizzabili all’interno delle nostre cellule.
Gli aminoacidi, componenti base delle molecole proteiche, sono costituiti da atomi di azoto, oltre che di carbonio, idrogeno e ossigeno. Come nel caso dei grassi, vi sono alcuni aminoacidi essenziali che vanno obbligatoriamente assunti attraverso la dieta quotidiana.
Le cellule, attraverso processi biochimici che consumano energia, sono in grado poi di convertire alcuni aminoacidi in glucosio che a sua volta può essere impiegato per produrre energia.

I micronutrienti sono i minerali e le vitamine. Come suggerisce il nome sono sostanze presenti fisiologicamente a basse quantità nel nostro organismo, la cui carenza tuttavia può portare a seri squilibri e patologie. Essi non possono essere sintetizzati all’interno dell’organismo ma, non essendoci alcun alimento che li contenga tutti e nella giusta quantità, è importante avere una dieta varia. Tuttavia, alcune sostanze sono difficilmente assumibili attraverso l’alimentazione e quindi ne è consigliabile la specifica integrazione.

In conclusione, possiamo dire che il vecchio adagio secondo il quale sia importante mangiare un po’ di tutto con moderazione, rimane certamente valido.
(da Roberto Insolia – Comunicati-Stampa.net)

Annunci