Via Scoop.itMed News

Ecco una nuova ricerca da parte di un gruppo italo-americano sulle basi genetiche dell’invecchiamento. E’ ormai nota la relazione tra i telomeri, le estremità dei cromosomi, e il processo di invecchiamento cellulare; tanto che anche in un uccellino australiano è stato dimostrato che più i telomeri sono lunghi, più questi volatili sono longevi [ http://goo.gl/ts13h ]. E se addirittura queste regioni del DNA non solo si accorciassero durante la vita della cellula, ma non venissero mai riparate, ecco che la cosa sarebbe ancora più seria.
E’ stato infatti scoperto che il DNA nei telomeri, oltre a essere molto fragile, è l’unica regione a non essere riparata dal punto di vista molecolare, cosa che invece avviene in altre regioni del genoma: nel corso della vita, si accumulano quindi dei danni irreparabili, indipendentemente dalla lunghezza dei telomeri stessi.
Ma forse, questo non è male: secondo i ricercatori infatti, la mancata riparazione nelle regioni telomeriche serve a prevenire la fusione anomala di due cromosomi, che rappresenterebbe un danno ben maggiore per il genoma.

Via www.nature.com

Annunci