See on Scoop.itMed News

Paziente: bambina di dieci anni. Diagnosi: ostruzione della vena che che porta il sangue dall’intestino e da altri organi addominali verso il fegato. Terapia: ricostruzione della vena, utilizzando cellule staminali prelevate dalla paziente stessa. Decorso post operatorio: non è stata impiegata alcuna terapia immunosoppressiva, avendo utilizzato le cellule staminali, non riconosciute come “estranee” dall’organismo stesso. A un anno dall’intervento, la bambina sta crescendo, riesce a muoversi e frequenta la scuola.

L’ostruzione vascolare, da cui era affetta la bambina, è una seria patologia che può portare a emorragie interne e alla morte. Normalmente sono due gli approcci terapeutici con chirurgia classica: il bypass, che prevede la sostituzione della porzione ostruita di vaso con un pezzo di un’altra vena prelevata del paziente stesso; oppure il trapianto da un altro donatore, che però implica l’immunosoppressione per evitare il rigetto. Sono entrambe delle procedure complesse, comunque non praticabili in questo caso.

Quindi al Sahlgrenska University Hospital di Goteborg, cellule staminali, prelevate dal midollo osseo della bambina, per la prima volta al mondo sono state coltivate in laboratorio e differenziate in cellule endoteliali e del muscolo liscio. Sono state messe a contatto con un pezzetto di 9 cm di una vena, prelevata da un donatore deceduto e opportunamente pre-trattata, in modo da costituire “l’impalcatura” per lo sviluppo del nuovo segmento vascolare, trapiantato poi nella bambina. Questo primo intervento è la “prova” della fattibilità di questa strategia terapeutica: ora, da una parte sarà necessario continuare a seguire la piccola paziente per capire l’efficacia dell’intervento a lungo termine, dall’altra si dovrà ampliare la casistica attraverso uno studio clinico mirato.

See on www.thelancet.com

Annunci