See on Scoop.itMed News

Questo è lo slogan che celebra il 28 luglio 2012 la Giornata Mondiale per la Lotta all’Epatite Virale. Obiettivo di quest’anno è di aumentare l’attenzione dell’opinione pubblica verso le persone affette da epatite (in particolare la B e la C), migliorando le conoscenze sulle modalità di trasmissione, sulle strategie preventive e sui trattamenti disponibili.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara 1,4 milioni di casi all’anno di epatite A, con un totale di 2 miliardi di persone infette dal virus dell’epatite B e 150 milioni di persone dal virus dell’epatite C. Complessivamente il numero di infezioni all’anno è in calo, ma ora queste stesse infezioni si collocano nello scenario delle patologie di tipo cronico.

Certamente l’introduzione negli ultimi decenni del materiale monouso negli ospedali, così come dei test di screening ematici e soprattutto della vaccinazione anti-epatite B ha rappresentato un grosso passo in avanti nella lotta alle epatiti virali. Tuttavia i rapporti occasionali non protetti, la tossicodipendenza e l’impiego di materiale non sterile durante l’esecuzione di piercing e tatuaggi rappresentano ancora dei significativi fattori di rischio.

See on www.who.int

Annunci