See on Scoop.itMed News

Zero nuove infezioni da HIV; zero morti per malattie legate all’Aids; zero discriminazione sociale. Questi sono gli obiettivi che la comunità scientifica e i governi mondiali si prefiggono di raggiungere entro il 2015. La strada è ancora lunga e certamente difficile, tuttavia l’ultimo rapporto annuale “UnAids report on the global Aids epidemic – 2012” http://goo.gl/Aphel annuncia una riduzione di oltre 700 mila nuovi casi di infezioni da HIV registrati nel 2011 rispetto al 2001.  Nel mondo circa 34 milioni di persone convivono con l’infezione, e circa lo 0,8% di loro ha un’età compresa tra i 15 e 49 anni. L’Africa sub-sahariana si conferma la regione più colpita con circa il 5% della popolazione infetta; ma anche lì, grazie alle strategie di prevenzione e al miglioramento delle cure, negli ultimi sei anni la mortalità per Aids è diminuita di un terzo.
See on www.unaids.org

Annunci